AFFRONTARE LA NEBBIA CON SERENITA’… A MXP SI PUO’

Grazie alla certificazione in cat3B lo scalo può operare in sicurezza anche con visibilità ridottissime! Ma……….

 

torre-malpensa-nebbia
La Torre di MXP svetta sopra la fitta coltre di nebbia che ha attanagliato lo scalo nei giorni scorsi

I primi giorni di novembre hanno visto ristagnare sulle piste di Malpensa una fitta nebbia, una condizione che non si registrava da anni. Infatti proprio la ridotta presenza di nebbia sull’area dello scalo  che statisticamente è di 3/5 giorni anno  aveva fatto preferire lo scalo della brughiera ad altre soluzioni  magari più vicine a Milano  ma che  trovandosi in zona sud o comunque in piena pianura padana sarebbero state sicuramente più penalizzate dal fenomeno. Nonostante questo l’aeroporto è stato comunque attrezzato per poter operare in tutta sicurezza anche con un rene di visibilità ridotto a soli 50mt, questo grazie alla particolare segnaletica orizzontale, ai moderni sistemi di illuminazione delle piste, ai punti di rilevamento della visibilità sulle piste, al sistema radar di terra e a tutti gli altri strumenti elettronici atti a guidare gli atterraggi in  condizioni meteo avverse. Tutto questo permette alla struttura di avere il riconoscimento all’operatività in cat3B.

Tuttavia come si è visto in questi giorni non sempre tutto questo basta, perché se è vero che  l’aeroporto è pronto ad affrontare il problema  non sempre lo sono le compagnie operanti sullo scalo  che a volte non possiedono aeromobili attrezzati o piloti abilitati  per le operazioni in detta categoria. E’ infatti necessario che siano presenti tutte e tre le condizioni per poter operare in scarsa visibilità e proprio per questo in questi giorni dallo Scalo sono stati dirottati  verso altri aeroporti circa una decina di voli, mentre per altri sono stati registrati ritardi importanti.

La sicurezza delle operazioni è ovviamente  stata la preoccupazione primaria  sia del gestore e delle compagnie  sia delle autorità di gestione del traffico e anche in questo caso l’aeroporto si è dimostrato, nonostante i comprensibili disagi, adeguato alle aspettative

 

Per chi volesse approfondire le modalità di atterraggio strumetale

http://www.enav.it/ec5/enav/it/pdf/equipaggiamenti_77_154.pdf

 

W.M.